Terribile incidente a Castelmagno (CN), fuoristrada finisce in una scarpata, morti 5 ragazzi

0
140

Grave incidente capitato in provincia di Cuneo, precisamente a Castelmagno, in alta Valle Grana, lungo la strada per monte Crocette, dove un fuoristrada con a bordo 9 ragazzi è precipitato intorno a mezzanotte lungo una scarpata, con il 24enne conducente che non è stato in grado di evitare un volo di 200 metri, precipitando lungo una discesa.

Cronaca dell’incidente

L’impatto è stato così violento da far ribaltare più volte l’auto, facendo sbalzare fuori tutti i passeggeri, per il conducente e altri quattro ragazzi tra i 17 e i 14 anni non c’è stato niente da fare, mentre gli altri quattro sono rimasti feriti, due di questi sono in condizioni gravi.
Le vittime sono Marco Appendino di 24 anni, i due fratelli Elia e Nicolò Martini, di 14 e 17 anni, Camilla Bessone e Samuele Gribaudo, di 16 e 14 anni. Il ferito più grave è un altro 24enne che dovrà essere operato alla colonna vertebrale per ristabilizzarla, mentre le due 17enni sono state dimesse.

Le cause

Ancora non chiarissime le dinamiche dell’incidente: le autorità nelle figure di Carabinieri, Vigili del Fuoco e il Soccorso Alpino hanno rilevato che il mezzo era omologato per ospitare 6 persone di fronte ai 9 presenti, il guidatore non avrebbe bevuto ma potrebbe aver avuto un momento di distrazione, anche a causa della scarsa illuminazione e mancanza di segnali stradali adeguati in una zona piuttosto pericolosa.
Il sindaco di Castelmagno ha commentato con amarezza: “In una notte abbiamo perso il 50% dei giovani del nostro comune. Quindici giorni fa avevamo fatto una bella foto, c’erano tutti gli abitanti di questa frazione: è agghiacciante vederla, si può dire che è tagliata in due“. Il Comune infatti conta solo 54 persone, e il sindaco rende nota anche la segnaletica stradale non adeguata, che avrebbe contribuito all’incidente.
Anche le parole del comandante dei vigili del fuoco, Vincenzo Bernardo, sono emblematiche: “È stato un intervento tragicosia dal punto di vista dello scenario che ci siamo trovati di fronte che della giovane età delle vittime. Avevamo notizie frammentarie e confuse, sapevamo soltanto di un’auto fuori strada. Quando le nostre squadre sono arrivate sul posto, purtroppo, per cinque di loro non c’era più nulla da fare“.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here