Ciro Immobile ed il caso Covid – facciamo chiarezza su cosa è successo

Ciro Immobile è un calciatore attaccante della Lazio e della nazionale italiana di calcio. Nelle ultime settimane Immobile è stato protagonista di un particolare e controverso caso riguardante il Covid-19.
Tutto nasce dalla partita di Champions League tra Bruges e Lazio, i calciatori di entrambe le squadre sono sottoposti a tampone. Dall’esito del tampone Immobile risulta essere positivo e dunque salta la partita, la domenica immediatamente successiva gioca però in Serie A in quanto negativo. Di nuovo però Ciro subisce uno stop della Uefa in quanto il mercoledì 4 novembre risulta nuovamente positivo. È così che nasce un caso.

I tamponi fatti per la serie A all’ospedale Moscati di Avellino avevano evidenziato una lieve positività, che era stata però taciuta dalla Società Sportiva della Lazio. Ciro Immobile viene così sottoposto a nuovo tampone, anzi a due nuovi tamponi in contemporanea: uno viene processato al Campus Biomedico di Roma ed uno ad Avellino, il primo da esito positivo ed il secondo esito positivo. Dal 6 novembre Immobile osserva il regime di isolamento cui sono sottoposti tutti i malati Covid. Sembra ora che l’incubo per l’attaccante sia finito e che sia definitivamente negativo.
Nel frattempo è stata aperta un’inchiesta per questa incongruenza tra tamponi.

Ciro Immobile ha l’altro giorno dato vita ad un duro sfogo social perché si è sentito giudicato come persona. In molti lo hanno accusato di aver rischiato di far scoppiare un focolaio. Tutto ciò ovviamente non è stato preso di buon grado dall’attaccante. Finalmente però dopo quasi un mese di stop Immobile potrà fare ritorno in campo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ciro Immobile (@ciroimmobile17)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *