Alessia Marcuzzi un misto di fragilità e forza:” È difficile a livello interiore”

Alessia Marcuzzi è una delle conduttrici più amate dal pubblico italiano, ma nel personale è un misto di fragilità e forza. Una donna come lei sempre vivace e solare nasconde anche dei lati più delicati e paure che l’attanagliano.

Intervistata nel settimanale Grazia, il quale ha deciso di donargli la copertina con una sua splendida foto, ha deciso di raccontare cosa la spaventa, ma anche quanto lei sia un incredibile romantica. In più ha confidato alcune dinamiche della sua vita privata che hanno rivoluzionato il suo modo di guardare la realtà.

Alessia Marcuzzi un misto di fragilità e forza

Guarita dal Covid-19 si è liberata svelando alcuni particolari della sua vita interiore. Mostra così il suo lato più umano lontano dai sorrisi nei riflettori, la parte più delicata di una donna che si sente fortunata, ma anche piena di fragilità. Nonostante questo, però avanza a testa alta a volte cadendo un po’ nello sconforto, ma riprendendosi e rialzandosi più forte di prima, consapevole della persona che ad oggi è diventata. La conduttrice è amata anche per la sua trasparenza, non nascondendo mai quanto sia anche lei una donna come tante con la paura del tempo che passa e che si fa sentire.

Alessia Marcuzzi un misto di fragilità e forza
Alessia Marcuzzi nella copertina di Grazia

Inoltre, racconta di come sia pauroso anche il sentimento più forte del mondo, che unisce in forti legami le persone: l’amore. Bello quanto terrorizzante, lei si descrive come una romantica che cerca sempre degli stimoli per mantenere la magia che dona momenti di gioia. Parla così nel riguardo di questo tema:” Anche l’amore fa paura. A me dell’amore piace la fiamma e questa cerco di tenerla viva. È un impegno lo so, sembra quasi una richiesta. Io non sono aggressiva, è il contrario: io sono romantica. La passione in amore è segno di grande romanticismo. Da oggi in poi saprò come definirmi”.

Alessia confessa:” È difficile a livello interiore”

Ad oggi la bellissima Marcuzzi ha 48 anni e sente la pressione del tempo, l’arrivo dei cinquanta non la rassicura. Confessa:” Sento tantissimo il tempo che passa, sono piena di fragilità, è un’età complicata avvicinarsi ai 50 anni. So di essere fortunata, sia chiaro, dico che è difficile a livello interiore. Lo so, non sembra: quando ti vedono in televisione sembri invincibile”. Anche se per lei vige la regola del fregarsene, non sempre è possibile e si lascia andare in momenti di fragilità, piangendo:” Io piango in quella stanza che diceva Virginia Woolf, da sola. Non mi faccio aiutare perché ho il senso di colpa di sentirmi fortunata. Allora mi recupero da sola. Faccio come l’attrice Margot Robbie in ‘Tonya’, un film che mi piace un sacco: si mette davanti allo specchio prima di andare in pista, lei è una pattinatrice, e piange e ride e poi si trucca ed esce”.

Alessia Marcuzzi un misto di fragilità e forza
Alessia Marcuzzi

Aggiunge poi:” È importante sapere cose di noi stessi. Io da un anno ho pensato che potesse essermi utile un confronto con la psicoterapia, e come mi piace. Sono entusiasta: è stata la mia psicoterapeuta che mi ha detto: ‘Sembri un baobab, a testa in giù’. E da lì ho deciso di fare quella verticale che ho messo come foto del compleanno su Instagram”. In molti l’hanno definita atletica, così le hanno chiesto se lo fosse davvero:” Guarda, io in realtà faccio poca meditazione, poco yoga e poca ginnastica, ma quando ero ragazza facevo ginnastica artistica e, in questo periodo, chiusi in casa con Mia che non può andare in palestra, ho deciso di insegnarle quello che mi ricordavo. E a testa in giù si possono guardare le cose da un’altra prospettiva”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *