Di che animale è la bresaola? Ecco la risposta che sorprende tutti

Bresaola – Nell’articolo di oggi andremo a parlare di uno degli argomenti che fa sempre discutere tantissimo. Infatti vedremo da dove proviene la bresaola, uno degli affettati più diffusi in tutta Italia, soprattutto al Nord dove viene anche prodotta. Ma andiamo a vedere insieme qual è il reale processo di produzione. Sul mercato vi sono diverse tipologie di bresaola ma in pochi sanno come viene prodotta e, soprattutto, qual è la provenienza.

La bresaola viene spesso utilizzata all’interno di diete o regimi alimentari personalizzati. Grazie alla sua povertà di calorie essa è veramente molto indicata quando ci si appresta ad iniziare un percorso di dimagrimento. La più pregiata è chiaramente la bresaola Valtellinese che ha anche il marchio IGP.

Andiamo adesso a vedere da quale animale proviene appunto la bresaola. Infatti spesso si crede che essa sia prodotta grazie alla carne di bovini italiani ma purtroppo, in realtà, non è così. La bresaola, infatti, proviene dalla carne congelata di zebù. Si tratta di un animale che arriva dall’incrocio di bovino con la gobba ed arriva addirittura dal Sudamerica. Esso viene quindi combinato con altre due razze di bovini francesi e poi si aggiunge anche carne austriaca ed irlandese.

Attenzione, non stiamo assolutamente dicendo che si tratta di una truffa alimentare. E’ consentito dalla legge, infatti, questo tipo di produzione. Infatti le regole IGP sono per i tempi di stagionatura, metodi di elaborazione ed i tagli da usare. Non viene assolutamente tenuto conto del tipo di materia prima da utilizzare per la preparazione degli insaccati.

Mangiare bresaola fa bene?

La risposta è chiaramente affermativa. E’ un insaccato sicuro da poter mangiare e fa bene al nostro corpo. E’ chiaro infatti che il fatto che viene utilizzata della carne straniera non pregiudica la bontà del prodotto. Inoltre, è anche giusto sottolineare, che la carne di zebù è molto buona e questo è stato sottolineato anche da molti esperti del settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *