Luca Zingaretti, chi è: età, moglie, padre, Instagram

Luca Zingaretti è un notissimo attore italiano, familiare al grande pubblico per aver interpretato Il Commissario Montalbano, nel ruolo del protagonista, serie tv tratta dai libri di Andrea Camilleri. È il personaggio principale de Il Giudice Meschino, in onda stasera su Rai1, tratto a sua volta da un libro, scritto da Mimmo Gangemi, e sceneggiato da De Cataldo.

Chi è Luca Zingaretti

  • Nome: Luca
  • Cognome: Zingaretti
  • Data di nascita: 11 Novembre 1961
  • Luogo di nascita: Roma, Italia
  • Profilo Instagram: @lucazingarettiofficial
  • Segno Zodiacale: Scorpione

Luca Zingaretti: età e carriera

Luca Zingaretti è nato l’11 Novembre 1951 e ha quindi 59 anni. È noto dal grande pubblico per il ruolo di Salvo Montalbano nella serie TV Rai tratta dai romanzi di Andrea Camilleri. Oltre a questo ruolo, ha comunque una lunghissima carriera attoriale al cinema, in televisione e a teatro. Lo si ricorda anche per i ruoli in Noi Credevamo, di Mario Martone, e in Romanzo di una strage di Marco Tullio Giordana. In TV è stato anche in Perlasca Storia di un italiano, e ha interpretato Paolo Borsellino nello sceneggiato “I 57 giorni”.

Luca Zingaretti: moglie e padre

Luca Zingaretti è attualmente sposato con Luisa Ranieri, che fa coppia con lui nella vita e, a volte, anche sul set. Questo di Il Giudice Meschino è proprio uno dei casi in cui i due hanno recitato assieme. Si sono sposati nel Giugno 2012 con rito civile. Zingaretti era reduce da un precedente matrimonio con Margherita D’amico, scrittrice e giornalista. La coppia ha avuto due bambine, nate nel 2011 e nel 2015. Luca Zingaretti ha dichiarato in passato che diventare padre a cinquant’anni gli ha restituito l’entusiasmo di quando era ragazzino.

Luca Zingaretti: Instagram

Il profilo ufficiale Instagram di Luca Zingaretti è seguito attualmente da circa 245mila followers. Le foto del feed di Luca lo vedono ritratto soprattutto in scena, ma non manca qualche scatto in famiglia e con gli affetti più cari, nonché qualche campagna a favore del teatro e delle categorie dei lavoratori dello spettacolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *