Nino Manfredi, chi era: film, vita privata, causa della morte

Nino Manfredi era un famosissimo attore italiano, estremamente noto a tutto il pubblico nazionale per le sue capacità attoriali e per le sue divertenti scenette andate in onda anche in tv. È morto nel 2004, diciassette anni fa. In questi giorni ricorrono i 100 anni dalla nascita e diversi canali ne stanno ricordando la memoria con una programmazione dedicata a lui. Stasera Rai2 manda in onda il documentario Uno, Nessuno, Cento Nino scritto e diretto dal figlio Luca.

Chi era Nino Manfredi

  • Nome: Saturnino
  • Cognome: Manfredi
  • Data di nascita e morte:  22 marzo 1921 – 4 giugno 2004
  • Luogo di nascita: Castro dei Volsci, Italia
  • Profilo Instagram: ovviamente Nino Manfredi non ha un profilo Instagram ufficiale.
  • Segno Zodiacale: Acquario

Nino Manfredi: film

Nino Manfredi ha una filmografia lunghissima, iniziata nel 1949 e terminata nel 2003, a poche settimane dalla malattia che lo avrebbe poi portato via. Impossibile quindi riassumere 54 anni di carriera sulle scene in poche righe. Tra i film che lo hanno visto protagonista impossibile dimenticare Totò, Peppino e la… malafemmina di Camillo Mastrocinque (1956); Venezia, la luna e tu, con Alberto Sorti e con la regia di Dino Risi (1958); Audace colpo dei soliti ignoti, regia di Nanni Loy (1959); Operazione San Gennaro, regia di Dino Risi (1966); il ruolo di Geppetto ne Le avventure di Pinocchio, regia di Luigi Comencini (1972); Pane e cioccolata, regia di Franco Brusati (1974); C’eravamo tanto amati, regia di Ettore Scola (1974); Café Express, regia di Nanni Loy (1980).
Chi era ragazzo negli anni ’90 lo ricorderà anche per il ruolo di ex brigadiere in Linda e il brigadiere, serie TV di 16 episodi con Claudia Koll, regia di Alberto Simone e Gianfrancesco Lazotti.

Nino Manfredi: vita privata

Nato da una famiglia di contadini, si trasferisce con essa a Roma quando il padre viene trasferito lì per lavoro, era un agente di pubblica sicurezza. Fugge più volte da scuola, che deve terminare da privatista, e si ammala di tubercolosi: ciò lo obbliga ad un lungo periodo in un sanatorio. All’interno di questo vede un’esibizione della compagnia di De Sica e si appassiona alla recitazione. All’uscita, finalmente guarito, s’iscrive a Giurisprudenza e si laurea per accontentare la famiglia, ma due anni dopo la laurea termina anche l’Accademia di Belle Arti, e subito dopo inizia a recitare. I suoi inizi sono in film a tema e con accenti partenopei, per ammorbidire la sua provenienza, e “subisce” anche il doppiaggio in alcune pellicole. A metà anni ’50, però, la sua carriera inizia a decollare, e allo stesso tempo, il 14 luglio 1955, sposa l’indossatrice Erminia Ferrari, alla quale resterà legato fino alla morte e dalla quale avrà tre figli: Roberta nel 1956, Luca nel 1958 e Giovanna nel 1961. Luca diventerà regista e girerà un film e una serie tv tra le ultime comparse del padre sulle scene: è anche autore di In arte Nino e di Uno, nessuno, cento Nino, in onda ieri sera e stasera per celebrare la memoria del padre.

Nino Manfredi: causa della morte

Nino Manfredi è morto a Roma il 4 giugno 2004: aveva quindi 83 anni. Soffriva da circa un anno per un ictus che lo aveva colpito, e dal quale non si è mai completamente ripreso. Le sue condizioni sono andate peggiorando fino alla morte sopraggiunta durante il ricovero nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale Regina Margherita di Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *