Una ricetta livornese per cucinare le triglie: ecco cosa vi occorre

Le triglie alla livornese sono un secondo piatto di pesce semplice e veloce da preparare, ma, allo stesso tempo molto gustose. Ottime da servire in ogni occasione, ed è anche un modo alternativo per preparare questa tipologia di pesce, che spessi si cuoce o alla griglia, o si friggono, chi non conosce la frittura di pesce, con calamari, gamberi, triglie. Vediamo insieme cosa occorre e come si prepara questa ricetta.

Triglie alla livornese – INGREDIENTI

Ingredienti per 4 porzioni:

  • 1kg di triglie
  • 400g di polpa di pomodoro
  • Prezzemolo
  • 1 spicchio d’aglio
  • Olio evo
  • Sale
  • Pepe

Triglie alla livornese – PREPARAZIONE

Come prima cosa, bisogna pulire, eviscerare e lavare le triglie, se non avete mai fatto questa operazione, o non sapete come fare, potete anche chiedere al vostro pescivendolo di fiducia di fare questa operazione al posto vostro, così voi dovrete solo lavarle.

Una volta pulite e lavate tutte le triglie, mettete a scaldare 4 cucchiai d’olio evo in una casseruola capiente, e nell’olio fate soffriggere l’aglio e il prezzemolo.

Dopo un paio di minuti versateci dentro anche polpa di pomodoro, salate, pepate e fate cuocere per circa 5 minuti.

Quando il sughetto si sarà un pò ristretto, abbassate la fiamma e aggiungete nella casseruola anche le triglie, cuoceranno per circa 20 minuti a fuoco basso. Inizialmente dovranno cuocere con coperchio, poi gli ultimi 5 10 minuti, meglio togliere il coperchio e completare la cottura.

Di tanto in tanto, muovete la padella per non far attaccare nulla al fondo, ma evitate di girare e rigirare le triglie, altrimenti si romperanno.

Quando saranno cotte, impiattate e servite le vostre triglie alla livornese.

Triglie alla livornese – CONSIGLI

Prima di servire le triglie, se avete tempo, fatele riposare in padella, a fuoco spento, per 5-10 minuti, saranno ancora più buone. Per un pasto completo, potreste anche condire la pasta con il loro sughetto, così avrete primo e secondo con il minimo sforzo. Questa è la ricetta originale per la preparazione di questo secondo piatto, ma, volendo, lo potreste anche modificare, ad esempio potreste aggiungere delle olive, dell’origano, del peperoncino, insomma tutto ciò che preferite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *