Allarme Postepay: in arrivo stangata per tutti i possessori

La Postepay ha sicuramente avuto grande importanza nell’approccio della moneta elettronica per gli italiani, avvicinando numerosi titolari a questa forma di gestione del denaro: la prepagata ricaricabile, diffusa da molti anni, ha sicuramente favorito l’e-commerce ma in generale l’approccio con la moneta elettronica, a causa della facilità di uso delle prepagate delle Poste Italiane.

Da qualche anno le due carte più utilizzate sia online che nella vita di tutti i giorni sono la Postepay classica e la Evolution che si differenzia da quella “base” per la possibilità di effettuare bonifici e riceverne, grazie alla presenza dell’IBAN, solitamente appannaggio delle carte conto.

I costi della Postepay

Uno dei pregi maggiori dei prodotti Postepay è legato al costo irrisorio: la variante “gialla”, ossia la basica, non presenta costi di mantenimento che sono applicati solo all’attivazione (pari a 5 euro), e in fase di ricarica di contante (1 euro presso gli uffici postali e 2 euro presso le ricevitorie abilitate), mentre la Evolution ha un costo mensile di 1 euro, che viene tuttavia calcolato a fine di ogni anno. Tuttavia una notizia non propriamente gradita potrebbe scoraggiare un po’ l’utilizzo di questi prodotti.

“Stangata” in vista

postepay

Tuttavia anche questi strumenti andranno incontro ad una “mini stangata” in termini di costi: l’erario infatti richiederà un pagamento annuo di quasi 35 euro (pari a 2,90 mensili) per tutti i titolari di Postepay che presentano una giacenza media pari o superiore ai 5000 euro. La somma di 34,90 euro infatti viene “detratta” a causa dell’imposta di bollo, requisito necessario per coprire i costi erariali a partire da questi mesi.

Le Postepay non sono le uniche carte conto/carte prepagate che dovranno “sottostare” a questa “tassa”. Non si tratta di una cifra altissima ma per utenti abituati a costi di gestione quasi azzerati può essere quantomeno fastidioso vedersi addebitata una somma del genere, sopratutto se in maniera inaspettata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *