Se c’è Bernini sulla banconota sei ricco: ecco quanto vale

La banconota che presente il volto di Gian Lorenzo Bernini, artista decisamente poliedrico vissuto nel XVII secolo, massimo esponente dell’arte barocca è stata emessa a partire dal 1983, durante il governo Craxi, parte del progetto di rinnovamento della lira italiana, che portò una nuova serie di banconote, tra cui la 50mila lire recante proprio il volto di Bernini.

Questa fu soggetto di un restyling alla fine del 1992 (in maniera non dissimile da quanto deciso per gli esemplari da 100 mila lire), ed entrambe le versioni perdurarono fino al 28 febbraio 2002, ossia quando l’euro diventò l’unica valuta nel paese.

La banconota “Bernini”

La prima edizione, realizzata dal 1983 fino al 1992 e presenta una colorazione quasi totalmente basata sul colore bordeaux, mentre la seconda presenta anche l’aggiunta del colore verde ed in generale ha colori più accesi ed evidenti. La seconda serie è stata prodotta dalla fine del 1992 fino al 1999, quando la produzione fu arrestata per “prepararsi” all’euro.

Come per buona parte delle banconote italiane realizzate in quel periodo, le lettere presenti all’inizio e alla fine del numero di serie danno un indizio sul tipo di banconota: per entrambe le serie infatti le banconote considerabili “ordinarie” iniziano con A, mentre quelle “sostitutive”, create per prendere il posto di quelle difettose, iniziano sempre per X.

Solitamente le seconde sono sensibilmente più rare perchè prodotte in minor quantità.

Quanto vale?

Il valore di una banconota del genere parte dai 10-15 euro ma può superare i 350 euro, a seconda dello stato di conservazione. Una Fior di Stampa che presenta numeri di serie unici o rari (come ad esempio “in sequenza” come 123456, o con poche cifre ripetute, come 1212121, o addirittura con un solo numero possono superare di gran lunga questa valutazione.

Inoltre alcune “sotto serie” sono state prodotte in quantità limitate come le banconote che presentano lettere AA all’inizio e A alla fine del seriale. Particolarmente rare anche le banconote di questo tipo che presentano AE e FE rispettivamente a inizio e fine. Anche le XE e XE sono considerabili molto rare (di tipo 3), e per tutti questi esemplari, se in condizioni Fior di Stampa, il valore può superare senza problemi i 1500 euro.

banconota bernini

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *