Postepay è una carta di credito? Ecco la verità che sconvolge tutti!

Con il termine Postepay solitamente si fa riferimento alla nota carta sviluppata inizialmente direttamente da Poste Italiane ed in seguito dalla società correlata Postepay S.p.A.: questi prodotti hanno indiscutibilmente a far avvicinare migliaia di utenti alla moneta elettronica, un tempo appannaggio esclusivo dei titolari di bancomat e carte di credito.

La prima versione della Postepay ha esordito nel 2003 ed ha fortemente influenzato anche gli acquisti online che hanno trovato un grande slancio proprio dalla diffusione capillare di carte prepagate e di debito proprio come quella di Poste Italiane.

Come funziona la Postepay?

La carta postepay standard, ossia quella di colore giallo, è definibile carta prepagata ricaricabile, che richiede una ricarica effettiva di denaro per essere utilizzata sia online che presso gli esercenti fisici muniti di POS. La “ricarica” è effettuabile sia presso un qualsiasi ufficio postale oppure presso una ricevitoria abilitata, ma attraverso l’applicazione ufficiale Postepay o l’ATM delle Poste è possibile ricevere ricariche anche presso un altro utente.

La Postepay Evolution presenta inoltre il codice IBAN per poter inviare e ricevere bonifici bancari in maniera non dissimile da quanto avviene tra due conti correnti.

E’ come una carta di credito?Postepay prelievo carta di credito

No, nonostante il circuito di pagamento utilizzato che è Visa o Mastercard (a seconda delle versioni). La carta di credito infatti permette di pagare successivamente un acquisto, essendo direttamente collegata ad un istituto bancario.

Una “via di mezzo” è costituita dalla carta di debito, che solitamente è fornita dalla banca per chi decide di aprire un nuovo conto corrente e permette , oltre alle operazioni citate in precedenza, anche di gestire il denaro attraverso l’applicazione telematica ufficiale.

Anche in questo caso risulta utilizzabile per i pagamenti solo se la cifra presente sulla stessa risulta pari o superiore all’importo richiesto per il pagamento, anche se alcune specifiche carte di debito permettono l’addebito vero e proprio che viene evaso in una specifica data.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *