Perchè MPS è in crisi? Ecco tutto quello che sta accadendo

La Banca Monte dei Paschi di Siena è una delle più famose ed importanti del nostro paese, nonchè la più antica d’Italia, essendo stata istituita addirittura prima della scoperta delle Americhe, e che ha avuto un ruolo molto importante non solo per l’Italia ma per tutto il continente. Tuttavia da diversi anni MPS si trova al centro di numerose diatribe, anche politiche, che hanno messo sotto una cattiva luce la storica banca italiana, che da oltre 20 anni è anche quotata in borsa.

Perchè MPS è in crisi?

Monte dei Paschi di Siena è la banca che ha avuto la crisi più complessa e più lunga degli ultimi anni, e si trova attualmente al centro di una trattativa di “fusione” con Unicredit neanche così scontata. Le motivazioni di una crisi che perdura sono molte, ed hanno inizio nel 2007 con l’acquisizione della banca Antonvenetaper 9 miliardi di euro, un affare che ha contribuito a creare problemi di ricapitalizzazione per riequilibrare i bilanci, che sono stati fortemente condizionati dalla crisi economica del 2008, che ha causato una recessione pochi anni dopo.

Questa, assieme a gestione poco oculate quando non addirittura illecite, hanno portato ad una prima grande ricapitalizzazione da 2,15 miliardi dopo un periodo di dieci ispezioni da parte della Banca d’Italia, che fanno emergere varie criticità, come quello relativo alll’area crediti, nell’area finanza e nella liquidità, tutti eventi che hanno costretto l’interventi dei governi che mano a mano si sono susseguiti, come quello resosi necessario nel 2017, a fronte di un’altra ricapitalizzazione di 5 miliardi di euro.

Cosa succederà?

Abbiamo già assodato che il fallimento di MPS è da escludere categoricamente, e non è ancora chiarissimo se il governo deciderà di intervenire in maniera drastica e concretizzare una vera nazionalizzazione di MPS, che è semplicemente “troppo influente” per fallire. Anche in vista dei cambiamenti tecnologici e sociali, MPS è stata portata a ridurre ad esempio il numero di filiali.

mps crisi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *