Banconote più costose al mondo: assurdo, ecco la classifica

Le banconote rispetto alle monete occupano in genere un posto particolare per gli appassionati di numismatica: essendo realizzate in materiali cartacei, sono molto più soggette al deterioramento rispetto alle monete. Oltre a questo la carta moneta ha iniziato ad essere prodotta in quantità sopratutto dopo la rivoluzione industriale (quindi metà del 1700), ed a lungo è stata utilizzata solo dalle banche e dai governi per “convertire” il valore in beni, metalli o monete.

Tuttavia la banconota, esattamente come le monete, rappresenta uno spaccato molto importante dal punto di vista storico/politico delle nazioni che le hanno realizzate, e alcuni esemplari sono così rari e preziosi da essere considerati una sorta di “miraggio” per gran parte dei collezionisti.

Ecco una classifica delle banconote più costose al mondo.

Prima banconota della Nuova Zelanda

Sviluppata nel 1929 seppur dipendente dal Regno Unito ancora a lungo, questa banconota è estremamente rara ed è storicamente molto importante per l’arcipelago oceanico.

100 sterline del 1929 in condizioni eccellenti come quella sotto valgono una cifra che si aggira tra i 10mila e i 15mila dollari.

nuova zelanda banconota

La prima banconota dell’Australia

Datata 1817 e dal valore di 10 scellini, la prima banconota realizzata dall’Australia, stampata nel Nuovo Galles del Sud. La Bank of New South Wales aprì con 100 banconote da dieci scellini stampate come “prototipo” e proprio oggi una di queste banconote vale dai 170mila ai 225mila euro.

banconota australia

20 rupie di Zanzibar 1908

Probabilmente la più preziosa e rara banconota realizzata in Africa è quella stampata in numero decisamente limitato poco più di 100 anni fa: non molti anni fa un esemplare fu venduto per l’equivalente di oltre 100mila euro.

Banconote rupia

La Grand Watermelon da 1000 dollari statunitensi

Ne abbiamo parlato di recente in un articolo dedicato, la Grand Watermelon è probabilmente la banconota più rara in assoluto, che da diversi decenni continua ad aumentare di valore, a causa di cambi di proprietario. L’ultima valutazione supera i 3 milioni di dollari, e ne esistono solo 3 esemplari e una di queste nel nel gennaio 2014 è stata venduta all’asta per 3 milioni e 290mila dollari.

1000 dollari americani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *