Se trovi le banconote con Maria Montessori e i Bambini allo studio diventi ricco. Ecco quanto valgono oggi

Maria Montessori è stata un’educatrice, pedagogista e scienziata che ha totalmente rivoluzionato il metodo di insegnamento dei giovani e giovanissimi: il metodo Montessori, assolutamente rivoluzionario per l’epoca (si parla di fine 800 e inizio 900), comprendeva metodi di apprendimento totalmente nuovi, come l’assenza di voti agli alunni in favore di un approccio maggiormente votato all’empatia, con l’ausilio di strumenti mai utilizzati prima d’ora nell’ambito dell’insegnamento.

Una figura sicuramente molto importante che ha condizionato, e continua a farlo, i sistemi didattici anche al giorno d’oggi.

Non è un caso che la Montessori rappresenti un vanto per il nostro paese, al punto che l’ultima emissione della banconota da 1000 lire presenta proprio il suo volto, contribuendo a rendere la figura dell’educatrice ancora più indelebile e immortale.

Banconote Montessori con Bambini allo studio

E’ indubbiamente una delle banconote più famose e diffuse della vecchia lira, anche se è stata prodotta per poco più di 10 anni, considerando anche le serie sostitutive: fu adottata nel 1990 per sostituire la Marco Polo, e stampata fino al 2001, poco prima della dismissione dello storico conio italiano. In totale è stata stampata in oltre 2 miliardi di pezzi e per questo è particolarmente facile da trovare anche oggi. la parte frontale reca un ritratto della Montessori con il simbolo dell’Officina della Banca d’Italia. Sul retro è presente parte del quadro Bambini allo Studio, raffigurazione di Armando Spadini realizzata nel 1918.

Quanto valgono oggi?

mille lire montessori Maria-montessori banconote

Tutte le serie “sostitutive” sono classificate come Rare e quindi valgono cifre interessanti rispetto alle comuni. Le sostitutive presentano una X come prima lettera del seriale, presente sul lato inferiore della banconota. Il valore minimo di una banconota che presenta questa lettera, se in ottime condizioni, è di 15 euro. Le Particolarmente interessanti quelle che iniziano per XA, XB, XC e XD, possono valere fino a 200€ per pezzo, se in condizioni Fior di Stampa ossia senza il minimo segno di usura e di circolazione.

Le XD che terminano con A, mentre non superano i 150 euro, discorso simile per le XA A e XB A. Quelle sviluppate fino al 2001, ossia lee XF, XG e XH possono valere dai 15 ai 35 euro al pezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *