Trova Caravaggio su questa banconota e sei ricco: ecco quale cercare

100-mila-lire-caravaggio

La banconota con il volto del celebre artista del Rinascimento Michelangelo Merisi, universalmente detto Caravaggio, è stata realizzata in due emissioni negli ultimi decenni del 20° secolo, che hanno rappresentato anche le ultime versioni di questo taglio monetario.

Dal punto di vista grafico la banconota con Caravaggio è considerata una delle più belle realizzate dall’Italia del dopoguerra, periodo che ha visto numerosi cambiamenti dal punto di vista sociale e politico. Ecco perchè è una delle più ricercate e collezionate da parte dei collezionisti e appassionati di numismatica.

Caravaggio sulla banconota

La banconota da 100mila lire con Caravaggio è stata stampata dal 1983 fino al 1993 per quanto riguarda il primo tipo, e dal 1994 fino al 1998 per quanto riguarda il secondo tipo. Le due banconote si differiscono per alcune differenze cromatiche ma sostanzialmente presentano lo stesso modello grafico.

Dimensioni di 156 mm x 70 mm, volto dell’artista collocato sulla parte destra della banconota che presenta le firme di Ciampi e Stevani (dal 1983 al 1986), di Ciampi e Speziali (dal 1990 al 1993). Il retro raffigura uno dei dipinti di Caravaggio, il “Canestro di frutta”. La prima versione presenta colori più spenti rispetto alla seconda, che fu modificata anche per arginare la falsificazione della versione iniziale.

Ecco quale cercare

Caravaggio banconota

Come gran parte delle banconote dell’era repubblicana, ossia emesse a partire dalla seconda metà del 900 si riconoscono nel grado di rarità dal numero di serie: le emissioni seguono l’ordine alfabetico quindi le prime edizioni partono da AA e terminano con la lettera A, mentre le sostitutive si distinguono per la lettera X iniziale.

Quelle della prima serie possono valere dai 20 ai 300 euro a seconda dello stato di conservazione, le cifre sono poco più basse per la seconda serie. Una banconota con Caravaggio che presenta un numero di serie particolare come consecutivo come 123456 oppure cifre uguali può arrivare a valere anche 500 euro.