Cerca il delfino sulla moneta e sei veramente ricco: FOTO

delfino moneta 5 lire

Svariate emissioni monetarie hanno avuto degli animali come raffigurazione, si tratta di una sorta di tradizione che è stata mantenuta anche nelle monete tutt’ora in corso come l’euro: monete come quelle greche e finlandesi che fanno parte dell’euro sono solo alcuni esempi recenti.

Anche la lira italiana nel corso della propria storia lunga quasi due secoli ha più volte ritratto qualche tipo di animale, in funzione simbolica, sopratautto per le emissioni di valore ridotto, nello specifico le monete da 10 lire Pegaso ma anche le 5 lire Delfino, tipologia di moneta realizzata nel secondo dopoguerra.

5 lire

Con la fine della seconda guerra mondiale e l’instaurazione della repubblica, l’Italia sviluppò una serie tutta nuova di monete da 1, 2, 5 lire attraverso il decreto C.P.S. n.298 del 6 settembre 1946, che sanciva le peculiarità di queste emissioni che sarebbero state realizzate in italma, una lega metallica basata sull’alluminio.

Per quanto riguarda le 5 lire, la prima emissione repubblicana è la Olivo, coniata dal 1946 fino al 1950, anno in cui fu sostituita dalla Delfino.

Cerca il delfino sulla moneta e sei veramente ricco: FOTO

La Delfino è stata tra le monete più diffuse in Italia della seconda metà del 20° secolo, coniate fino al 2001 (con un “pausa” dal 1956 al 1968) ma gradualmente “messe da parte” a partire dagli anni 80, a causa dell’inflazione.

Nonostante si tratti di un’emissione comune, alcuni esemplari sono molto rari e preziosi, come la 5 lire Delfino del 1956 che godono di un valore sensibilmente più elevato a causa di una tiratura molto più ridotta rispetto alle annate precedenti e successive. Solo 400.000 esemplari per questa moneta che vale come minimo 60 euro se in buone condizioni, valore che può salire fino a 3.500 euro se siamo in possesso di una moneta Fior di Conio.

5 lire delfino

Nel 1968 la produzione riprese a pieno regime e tra gli esemplari del 1969 un ristretto numero presenta il primo 1 della data capovolto, a causa di un errore di conio: questo fa valere una di queste monete tra i 15 ed i 90 euro.