Banconote, l’addio è ufficiale: ecco cosa sta succedendo, incredibile

Le banconote rappresentano la ricchezza ed il potere d’acquisto come pochi altri oggetti al mondo, al pari delle monete, che nonostante lo sviluppo e l’evoluzione della moneta elettronica, rimangono gli strumenti più immediati e “semplici” per far girare l’economia.

La moneta cartacea è un’invenzione antica ma che solo con la prima rivoluzione industriale ha iniziato a diffondersi in maniera inizialmente limitata e poi sempre più importante nel corso degli ultimi secoli, fino a costituire una parte fondamentale dei sistemi economici a partire dalla metà dell’800.

Evoluzione della carta moneta

Una recente evoluzione delle banconote è riscontrabile anche nell’euro, valuta molto “giovane” ma che ha alle spalle un restyling piuttosto importante che dal 2013 ha sviluppato una nuova serie di banconote denominata Serie Europaa. Non si tratta di un semplice cambio estetico ma ciò ha portato numerose tipologie di sistemi anti contraffazione, da sempre un grosso ostacolo per i sistemi economici, anche se si tratta di un fenomeno in sensibile diminuizione, anche a causa di una quantità di contante circolante in costante diminuizione.

banconote euro

Banconote, l’addio è ufficiale: ecco cosa sta succedendo, incredibile

Il mondo della carta moneta sta cambiando anche concenttualmente: la BCE ha deciso di non stampare più banconote da 500 euro per motivazioni non relative alla contraffazione quanto per “sfavorire” il lavoro in nero e la criminalità organizzata, che utilizza questo taglio di banconote in maniera massiccia. I 500 euro restano comunque validi al 100 % in tutti i paesi membri e potranno essere cambiati con altri tagli per sempre.

L’Euro subirà un nuovo “cambio” nel 2024: la Banca Nazionale Europea ha già comunicato infatti l’intenzione di presentare uno stile totalmente nuovo di carta moneta, dopo aver costatato che la maggior parte della popolazione è ancora fermamente intenzionata ad utilizzare il “denaro liquido”.

Il nuovo design sarà deciso tramite referendum, e molto probabilmente porterà un nuovo stile estetico ed altre tipologie di sistemi anti contraffazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *