smartwatch

Trova questa scritta sulla banconota da 10 euro e diventi ricco

La carta moneta, terminologia che identifica strumenti economici sviluppati su carta come le banconote, rappresentano in maniera “fisica” e tangibile la forza economica di una persona, un’azienda ma anche di un paese in senso generale.

Le banconote hanno iniziato a diffondersi molto più tardi rispetto alle monete per una questione legata alla loro composizione, non essendo realizzate in metallo tendono a deteriorarsi con l’utilizzo e con il passare del tempo, ma sopratutto quando il processo di produzione ha permesso una diffusione capillare, approssimantivamente a partire dal 18° secolo in avanti.

Euro banconote

L’euro rappresenta una valuta molto giovane rispetto al dollaro e alla sterlina, essendo di fatto entrata in circolazione nei primi anni del 21° secolo ma ha già subito diverse variazioni nel giro dell’ultimo ventennio. La valuta europea infatti ha “cambiato aspetto” già una volta, a partire dal 2013, quando alla prima serie di banconote è subentrata la Serie Europa, quella attualmente più utilizzata.

Trova questa scritta sulla banconota da 10 euro e diventi ricco

I cambiamenti estetici hanno migliorato anche i sistemi di sicurezza per prevenire e limitare la contraffazione di banconote, un fenomeno antico quanto difficile da debellare in maniera totale.

La 10 euro rappresenta uno dei tagli più riconoscibili ed utilizzati in assoluto sia in Italia che dal resto d’Europa, dove questa banconota viene utilizzata da oltre 300 milioni di persone: l’emissione in questione è riconoscibile per il colore rosato che è stato mantenuto anche nella seconda serie.

Come per tutte le altre banconote anche la 10 euro può valere molto di più del valore nominale, ad esempio se presenta un seriale particolare come numeri continui (123456789) oppure composto da pochi numeri.

La più rara e “preziosa” delle 10 euro è sicuramente quella con la scritta Specimen su tutte e due le supefici: questo esemplare indica una banconota di prova destinata principalmente alla Banca Centrale Europea. Il valore può essere molto elevato, dai 750 ai 1500 euro, a seconda delle condizioni.