smartwatch

Quanto costa oggi Ethereum? Ecco l’incredibile risposta

La natura “libera” delle criptovalute, slegate da qualsiasi forma di controllo e regolarizzazione diretta ha permesso enormi guadagni ma anche diversi investimenti sbagliati: chi decide di provare ad investire in questa forma di valute tendenzialmente è portato ad informarsi preventivamente, anche se alcune criptovalute come Ethereum hanno rapidamente conquistato l’interesse degli investitori.

Cos’è?

Ethereum è il progetto più importante del giovane programmatore russo naturalizzato canadese Vitalik Buterin, oggi 28enne: a lui si deve la creazione della piattaforma decentralizzata basata sul web 3.0 che almeno in parte attinge a piene mani dal funzionamento “classico” di Bitcoin. Tecnologicamente parlando permette diverse operazioni, come la creazione e pubblicazione peer-to-peer di contratti intelligenti (smart contracts) ma anche l’interessante capacità di sviluppare i token NFT (non fungibili), oggi particolarmente in voga, sfruttando sempre la caratteristica peer to peer di Ethereum che sfrutta la propria valuta Ether sia come “libro contabile” che da “carburante”.

La “genesi” di Ethereum nasce nel 2013 con la prima versione di questa piattaforma che l’anno successivo ha avuto un ingente finanziamento attraverso un crownfunding. A partire dal 2017 è iniziata “l’ascesa” di Ethereum che nel corso degli anni ha subito aggiornamenti delle funzionalità importanti come Serenity, che ha velocizzato le transazioni, oltre ad apportare nuove migliorie. Attualmente è molto considerata e sono in molti ad aspettarsi nuovi picchi di valore nel prossimo futuro.

Quanto costa oggi Ethereum? Ecco l’incredibile risposta

Il 2022 non è stato eccezionale finora per Ethereum, almeno finora, che ha perso circa il 15 % del valore rispetto ai primi giorni di gennaio, anche a causa della crisi energetica che ha condizionato anche Bitcoin e tutto il mondo delle criptovalute. Attualmente un singolo Ether vale 2.655,56 dollari statunitensi dopo essere ritornato oltre i 3 mila dollari in gennaio, ma alcuni analisti fanno notare che un picco potrebbe essere ancora lontano, al punto da ipotizzare una nuova decrescita nel breve periodo.