smartwatch

Non usare Telepass su un’altra auto: ecco cosa può accadere

Il Telepass è il servizio che permette di pagare in modo automatico i pedaggi presenti sul autostrade e tangenziali, e che ha trovato una diffusione capillare a partire dall seconda metà degli anni 90 del 20° secolo, dopo un periodo di “prova”. Oggi il servizio è parte della società omonima che da molti anni ha stretto accordi con la società Autostrade per l’Italia, che recentemente è ritornata ad esere pubblica.

Pedaggio automatico

L’invenzione del Telepass ha sicuramente favorito e velocizzato le code ai pedaggi, che ancora oggi sono pagati sopratutto tramite maniera “fisica” con contante o carte di pagamento: dal punto di vista tecnologico il Telepass è fondamentalmente composto dalla “scatoletta”, ossia il piccolo box che sfrutta una tecnologia con trasponder che comunica con il casello adibito quando viene avvicinato per essere “riconosciuto” dal sensore presente nel casello. Quando questo segnala correttamente il passaggio di un’auto che ne è munito, la “scatoletta” sviluppa due suoni, uno all’entrata del casello e uno all’uscita. Telepass è associato ad un servizio di abbonamento che permette di risparmiare se si fa un utilizzo piuttosto intensivo dei pedaggi.

Non usare Telepass su un’altra auto: ecco cosa può accadere

Utilizzando un abbonamento, questo viene associato ad una specifica auto, anche se da molti anni Telepass SpA da la possibilità di associare fino a 2 targhe, quindi 2 veicoli ad un singolo abbonamento. Ma cosa succede se il Telepass viene “trasportato” su un’auto che non risulta essere presente nell’abbonamento?

Ciò non è “consentito” dal punto di vista legale, in quanto deve essere per l’appunto associato ad una targa. In caso contrario il veicolo potrebbe non essere riconosciuto dal sensore presente nel casello e ciò potrebbe far scattare un doppio pagamento del pedaggio, oppure non classificare lo stesso come pagato. In ultimo è anche possibile lo sviluppo di una multa che parte da 85 euro.

telepass altra auto