smartwatch

Attenzione ai nuovi limiti sui contanti: ecco cosa si rischia

La Guerra al contante va oramai avanti da diversi anni anche se paragonarlo ad un conflitto seppur simbolico può sembrare eccessivo, ma che in realtà è comunque estremamente importante, sopratutto in un contesto fortemente tradizionalista come quello italico. Non è una sorpresa che per un’importante parte della popolazione nostrana risulti mediamente più difficile, almeno all’inizio, adattarsi ai nuovi contesti: un esempio è dato dai limiti dei contanti, che da oltre un decennio sono continuamente modificati via via dai governi che si susseguono. Solitamente si tratta di una mossa che “da fastidio” sopratutto a chi fa largo uso di denaro liquido e inevitabilmente anche a chi ne fa utilizzi non proprio “puliti”.

Attenzione ai nuovi limiti sui contanti: ecco cosa si rischia

La volontà, anzi la necessità di ridurre il contante, e di limitarne l’utilizzo è proprio dovuto alla regolarizzazione del denaro: strumenti di pagamento elettronici sono favoriti da diversi anni, come bancomat, carte di credito/debito ma anche i bonifici proprio perchè tracciabili, mentre il limite di prelievo ma anche di pagamento e versamento di soldi contanti è ridotto.

La soglia attuale è di 2000 euro, che sarà mantenuta per tutto il 2022 grazie ad una proroga ordinata da Lega e Fratelli d’Italia attraverso il decreto Milleproroghe. A partire dal 2023, salvo nuove modifiche dell’ordinamento, il limite sarà dimezzato a 1000 euro, che sarebbe dovuto già essere attivo a partire dallo scorso 1° gennaio.

Per disincentivare l’uso dei contanti a livelli “elevati” sono state create varie agevolazioni come l’attuale Bonus Bancomat, e di contro, sono previste multe per chiunque effettui una qualsiasi operazione di pagamento e versamento con contanti superiori ai già citati 2000 euro.

Le multe sono previste sia per chi effettua il pagamento, sia per chi lo riceve: si parla di sanzioni crescenti che partono da i 1.000 euro e che possono arrivare a 50.000 euro. Previste anche delle sanzioni per l’omessa segnalazione dell’irregolarità, da 3000 a 15 mila euro.

pagare versamento contanti limiti contanti limiti segnalazione casa