smartwatch

Mangiare patate tutti i giorni, cosa succede all’organismo?

Le patate risultano essere gli ortaggi più diffusi al mondo per coltivazione ma anche una delle più duttili cibi che possiamo trovare in cucina in senso assouto, in quanto i tuberi che sono sviluppati dalla pianta conosciuta come Solanum tuberosum si prestano ad infinite preparazioni e tipologie di cottura. A lungo le patate sono state quantomeno osteggiate nel consumo e sono viste non esattamente di buon occhio da parte degli europei, in particolar modo a partire dalla loro introduzione nel vecchio mondo. Le patate sono infatti originarie delle America, precisamente della zona corrispondente alle Ande e solo a partire dal XVIII secolo l’ortaggio ha iniziato realmente ad attecchire, diventando un elemento indispensabile della cucina mondiale. E’ una importante fonte di nutrienti ma cosa succede a mangiare patate tutti i giorni?

Mangiare patate tutti i giorni, cosa succede all’organismo?

Si tratta di un tubero che cresce tutto l’anno, mediamente ricco di carboidrati, vitamine ed è sopratuttto ricco di amido e sali minerali, come ferro e acido folico, che risultano essere indispensabili per contrastare, ad esempio, l’anemia, in quanto favoriscono lo sviluppo dei globuli rossi.

Tuttavia esagerare nel consumo, mangiandole  ogni giorno, non si rivela una scelta saggia soprattutto se non si decide di diversficare il tipo di cottura. Diverse ricerche hanno riscontrato una tendenza diffusa verso l’ipertensione da parte dei soggetti che hanno acquisito l’abitudine di consumare patate tutti i giorni, in particolar modo attraverso la frittura.

Le patate inoltre se non cotte adeguatamente sono decisamente difficili da digerire e questo può provocare fastidi, dolori, gonfiori addominali ed in generale difficoltà legate all’apparato digerente. Il consiglio generico è di sfruttare al massimo la capacità di “resistere” ad ogni forma di cottura della patata, relegando al massimo a 1 giorno a settimana le patate fritte che sono, com’è noto, tendenzialmente le “meno sane”.

patate tutti i giorni