smartwatch

Reddito di Cittadinanza, quale futuro per il sussidio?

Il Reddito di Cittadinanza da misura legata ad una forma di reintegrazione nel mondo del lavoro, è divenuto un vero e proprio ammortizzatore sociale, utilizzato da una larga percentuale di italiani ma che fin dal principio è stata considerata come una forma di “spreco” da parte dell’opposizione composta prevalentemente dai partiti di centro destra (ma non solo) mentre è stata una vera e propria forma di misura centrale da parte di forze come il Movimento 5 Stelle, che nel corso del governo Conte I hanno fortemente “spinto” per la sua applicazione, che è stata confermata anche dai successivi governi. Quello governato da Giorgia Meloni ha da sempre avuto una posizione contraria, anche se non è ancora chiaro se la volontà è realmente quella di abolire il Reddito di Cittadinanza.

Reddito di Cittadinanza, quale futuro per il sussidio?

Al momento infatti l’esecutivo Meloni non ha ancora preso una posizione “netta” dopo la campagna elettrale, anche se l’intenzione palesata è quello di renderlo più “difficile” da ottenere e mantenere. Il Reddito di Cittadinanza ha comunque nel bene o nel male rappresentato una forma di sostentamento importante.

Tra le criticità palesate dal RdC spicca l’incapacità di questo strumento di creare posti di lavoro: ecco perchè uno dei punti saldi della riforma che sarà orientata a rifondare il Reddito di Cittadinanza è legato a “paletti più stringenti”. Ad esempio l’idea è di limitare l’acquisizione del reddito a 18 mesi, poi la persona non ha trovato un lavoro, viene sospesa dal sussidio e inserita per sei mesi in un percorso di politiche attive del lavoro. Inoltre il RdC sarebbe annullato a fronte di un primo e unico rifiuto di offerta di posto di lavoro.

L’impressione è comunque quella di voler rifondare e non abolire in toto il Reddito di Cittadinanza, quanto più di potenziare il suo essere incidente in ambito lavorativo.

Andranno comunque ridefiniti i parametri secondo i quali sarà congruo rifiutare o meno offerte di lavoro senza perdere il sussidio.

Reddito di cittadinanza