smartwatch

Bollette, ecco quali non devi mai pagare: “Attenzione!”

Pagare le bollette è ormai la routine di molti e a nessuno piace farlo. Ma ognuno di noi è obbligato a pagare ciò che consuma. L’aumento delle bollette e quindi dei costi energetici, causati dalla situazione socio politica internazionale ha fatto ritornare il discorso bollette tra gli argomenti principali. Si tratta infatti di fonte di dissidi interni da parte dell’Unione Europea.

Bollette, ecco quali non devi mai pagare: “Attenzione!”

Come stavamo dicendo tutti siamo abituati a pagare le bollette, prima della data di scadenza, così da evitare more o aumenti. Le fatture però nel tempo hanno subito una evoluzione costante, soprattutto nell’ultimo decennio che ha portato alcune scadenze e fattori  ad essere rivalutati.

Se arrivano a casa delle bollette molto vecchie, non si devono pagare per forza, ovviamente solo se hanno superato i limiti di prescrizione. La prescrizione è una scadenza, un termine ultimo per pagare la bolletta. Se è passato molto tempo dall’erogazione, la prescrizione fa decadere i diritti da parte del fornitore di “richiedere” i pagamenti. Andiamo quindi a vedere qual è il tempo di prescrizione per le forniture più importanti. Le fatture della luce emesse fino al 2 marzo 2018, hanno una prescrizione di 5 anni, mentre quelle emesse dopo la prescrizione è di 2 anni. Per l’acqua vale lo stesso, per le fatture dell’acqua emesse fino al 1° gennaio 2020 si prescrivono ancora oggi in 5 anni, dal giorno successivo, vale 2 anni. Le fatture del gas invece, emesse fino  1° gennaio 2019 si prescrivono in 5 anni mentre a partire 2 gennaio 2019 in poi si prescrivono in 2 anni.

Nessun cambiamento invece per le bollette del telefono che hanno la prescrizione a 5 anni, ma si pensa che presto potrebbero cambiarla a 2, come per le altre. Queste bollette possono arrivare quando ad esempio c’è un conguaglio.

Fate quindi molta attenzione alle date della fattura, prima di pagarla, così da risparmiare, visto che non è obbligatorio.

bollette multa aumenti rincari