La celiachia è una malattia molto diffusa che negli ultimi anni sta interessando sempre più persone. Accorgersi di essere celiaco non è molto semplice, ma oltre a dei problemi fisici un campanello di allarme può essere rappresentato da alcuni segni che si presentano sul nostro corpo. Celiachia segnali, quali sono?  E come riconoscerli?

Celiachia segnali: se noti questi segni sul tuo corpo sono un campanello di ALLARME

Celiachia segnali: come riconoscerli e quando preoccuparsi – Campanello d’allarme

La celiachia è una malattia che interessa molti italiani, e negli ultimi anni si sta diffondendo sempre di più questa forma di intolleranza al glutine. Questa è una malattia autoimmune che interessa l’apparato digerente e può essere riconosciuta da alcuni e specifici segnali. Riconoscere questa malattia non è molto semplice, ma ci sono alcune conseguenze che sono riconducibili ad essa.

Chi soffre di celiachia può presentare tra i sintomi: diarrea cronica, perdita di peso, vomito, gonfiore, stanchezza ed in alcuni casi anche segnali sul corpo come macchie rosse, prurito e anemia. Ciò significa che nel momento in cui si notano questi sintomi è opportuno rivolgersi al medico per gli opportuni accertamenti.

Celiachia segnali: se noti questi segni sul tuo corpo sono un campanello di ALLARME

Uno dei segnali che può quindi aiutare a diagnosticare la celiachia è la presenza di macchie rosse sulla pelle, ma anche diarrea o problemi di digestione. Se questi problemi non sono passeggeri, ma hanno una durata di almeno quindi giorni è opportuno non ignorarli o sottovalutarli.

La celiachia è una patologia cronica che non ha soluzioni per “guarire”, ma si può seguire una dieta appropriata e specifica per non avere problemi e svolgere una vita normale e serena. Bisogna seguire una dieta priva di glutine. Quindi ciò significa che si possono mangiare la quinoa, il mais, il riso, il grano saraceno, ma bisogna eliminare la pasta tradizionale e tutto ciò che contiene glutine.
Ad ogni modo ad oggi esistono anche formi e panifici gluten free e dunque l’alimentazione non è proprio più un problema.