Bene amata tanto dai vip e allo stesso dalle persone comuni, oggi parleremo della storia dell’Elfo sulla Mensola che nel corso tutto il periodo di dicembre verifica la situazione in casa, fa birichinate ai bambini e vola al Polo Nord per avvertire Babbo Natale è sempre più in voga.

Come si deve a questa tradizione americana e come si accetta un elfo assistente di Santa Claus. La tradizione di Elf On The Shelf che letteralmente vuol dire elfo sulla mensola,ha difatti delle lontane origini americane ed è venuta fuori solo di recente, ma è già diventata famosa in ogni angolo del globo. Secondo la storia, nel corso tutti i giorni del periodo dell’Avvento una famiglia prende con sé un elfo aiutante di Babbo Natale che diviene gli occhi e le orecchie di Santa Claus e lo aggiorna ogni notte sui bambini cattivi e buoni.

L’elfo compare per magia sulla mensola il 1°dicembre e scompare improvvisamente il 24 dicembre, la notte della Vigilia di Natale, siccome torna al Polo Nord d’accordo con Babbo Natale sulla sua slitta volante. Tutto viene fuori non molti anni fa, rigorosamente nel 2004, quando una madre e una figlia che scrivono una storia chiamata A Christmas Tradition, ma nessuna casa editrice vuole presentare il loro manoscritto perché ritenuta una storia “poco appetibile”.

Ma le due donne prendono la decisione di non abdicare al loro sogno nel cassetto e così l’anno seguente nel 2005 decidono per l’auto-pubblicazione. Il libro viene rivenduto unitamente all’elfo rendendo così meglio il pensiero della trama e richiamando anche un pubblico di bambini più piccoli. Originariamente le due autrici vendono il libro porta a porta.

Elf On The Shelf: uno dei simboli natalizi della tradizione americana

La svolta giunge nel 2007 nel momento in cui una foto dell’attrice Jennifer Garner con la confezione e il libro diviene virale sul web e tutti, dai vip alle persone comuni, cominciano a comprare il libro che diviene un best seller ma è sold out concretamente ovunque. Per far essere magico l’elfo è indispensabile rispettare delle regole, anzi una sola regola: mai e poi mai vedere l’elfo sulla mensola, in caso contrario la magia natalizia va via.

L’elfo compare e ricompare ogni giorno dell’avvento in molti posti della casa, originando la gioia e l’interesse dei più piccini. Stando alla storia originale, fa anche, come già abbiamo detto, birichinate ai bambini. In base all’età dei bambini, i genitori possono fare degli scherzetti utilizzando l’elfo in giro per casa fino al giorno della Vigilia di Natale, o anche il 24 dicembre nel momento in cui giunge Babbo Natale a portare i regali ai bambini.