La cucina italiana è sicuramente tra le più conosciute in senso assoluto, ma anche una delle più identitarie ed apprezzate al mondo nei termini più vasti ed assoluti possibili in quanto sono realmente parecchie le tipiche peculiarità che ci portano ad identificarci in vari alimenti, magari dando la preferenza a quelli che ci rappresentano più di altri. E secondo la tradizione, una delle ricette italiane legate alla fama più conosciute è sicuramente quella della pasta alla carbonara, vero simbolo della cucina romana, pur essendo qualcosa di costituito recentemente, anche per questo molti si fregiano di conoscere la ricetta della “vera carbonara”.

vera carbonara

Un noto chef, decisamente quotato, ha decisamente diviso i social media ed i propri followers parlando di una ricetta vera ed originale che è sensibilmente diversa da quella che tutti conoscono.

E’ uno dei tipici piatti della tradizione locale, ma conosciuto e facilmente replicabile in tutto il mondo, ma si presta parecchio alle reinterpretazioni. Qual è la  “vera carbonara”?

Conosci la “vera carbonara”? Ecco la ricetta originale

vera carbonara

Corrisponde al tipico argomento che fa arrabiare i locali, e nella stessa capitale pur essendo tutti più o meno daccordo sugli ingredienti basilari che sono pasta, guanciale, tuorli d’uovo, e pecorino oltre a sale e pepe, spesso ci si interroga su una sua reale origine e su quale sia la ricetta originale.

La quasi totalità comprende ed accetta che quasi certamente non è una ricetta antica, ma riscontrabile nell’atto in cui il piatto è stato concepito durante la seconda guerra mondiale, di fatto proponendo una forma di preparazione “arrangiata” da alcuni soldati statunitensi dopo lo sbarco alleato a seguito della liberazione della capitale nel 1944, che avrebbe portato i vari soldati a chiedere gli ingredienti di un piatto molto semplice ai quali loro avrebbero aggiunto la pancetta (il tradizionale bacon) non presente nella tradizione italiana, che fu quindi rimpiazzato dal guanciale.

Quindi una paternità recente, a stelle e strisce che però non è l’unica accettata, si parla anche di origine partenopea oppure italiana ma legata all’ambito adriatico, legata alla pasta dei carbonai. L’ipotesi americana sembra quella caldeggiata maggiormente , in quanto il piatto compare nei rattati solo dal secondo dopoguerra in poi.

Lo chef Luca Cesari infatti ha rivelato di aver trovato quella che è la ricetta “originale” della carbonara, poi a sua volta rivalutata e cambiata, risalente agli anni 50 che è pasta, pancetta, gruviera, uno spicchio d’aglio, uova, sale e pepe. Quindi qualcosa di più complesso, e che sicuramente può far storcere il naso ai più anche se può essere una delle forme di carbonara “vera” quanto autentica.