Gli allergeni sono sostanze che possono scatenare una reazione anomala del sistema immunitario, nota come allergia. Queste sostanze possono provenire da diverse fonti, come pollini, alimenti, peli di animali, polvere e molte altre. La loro presenza è diffusa nella vita di tutti i giorni e, mentre alcune persone possono tollerarle senza problemi, per altre possono costituire una grave minaccia per la salute.

Il concetto di allergia e allergeni ha origini nel XX secolo. Il termine “allergia” fu coniato dal pediatra austriaco Clemens von Pirquet nel 1906 per indicare una reazione del sistema immunitario a sostanze normalmente innocue. L’etimologia del termine deriva dal greco antico, in cui “allos” significa “altro” e “ergon” significa “azione” o “reazione”.

Gli allergeni possono essere presenti ovunque, dall’aria che respiriamo ai cibi che mangiamo. All’esterno, i pollini e le spore fungine sono comuni allergeni atmosferici. All’interno delle case, gli allergeni possono trovarsi nei peli degli animali domestici, nelle muffe e nelle particelle di polvere. Tra gli allergeni alimentari, il grano, il latte, le uova e il pesce sono tra i più comuni.

Gli allergeni alimentari possono svolgere un ruolo significativo nelle reazioni allergiche. Alcuni alimenti, come arachidi o crostacei, possono scatenare risposte immunitarie e allergiche che vanno dalla lieve irritazione cutanea a gravi reazioni anafilattiche.

La ricerca scientifica ha approfondito la comprensione dei meccanismi immunologici alla base delle reazioni allergiche, identificando il ruolo chiave di cellule come i mastociti e le IgE. Inoltre, la tecnologia moderna ha permesso di identificare specifiche molecole allergeniche nei diversi tipi di allergeni, consentendo una migliore comprensione e gestione delle allergie. Sono state sviluppate terapie immunologiche, come le immunoterapie allergeniche, per ridurre la sensibilità a specifici allergeni e migliorare la qualità della vita dei pazienti. La genetica delle allergie è stata oggetto di approfondite ricerche, con studi che identificano i fattori genetici che possono predisporre alcune persone a sviluppare allergie.

Gli effetti degli allergeni possono variare da persona a persona e includono sintomi come prurito, gonfiore, starnuti, tosse, difficoltà respiratorie e, nelle reazioni più gravi, shock anafilattico. Le allergie alimentari possono avere effetti gastrointestinali, dermatologici o sistemici.

È essenziale essere consapevoli dei sintomi allergici e cercare assistenza medica in caso di reazioni gravi. Per le persone allergiche, evitare l’esposizione agli allergeni noti è una precauzione fondamentale. La prevenzione delle reazioni allergiche implica una combinazione di evitare gli allergeni noti, adottare terapie specifiche sotto la supervisione di professionisti medici e sensibilizzare il pubblico sulla gestione delle allergie.

Gli allergeni sono una parte inevitabile della nostra vita quotidiana, ma per coloro che soffrono di allergie, possono rappresentare una minaccia significativa. La ricerca scientifica ha contribuito a migliorare la nostra comprensione delle allergie e ha fornito nuove opportunità di gestione e trattamento. L’importanza della prevenzione, della consapevolezza e di una gestione attenta è cruciale per mitigare gli effetti negativi degli allergeni sulla salute delle persone colpite.
Continua a leggere su 33Salute.it: che cosa sono, dove si trovano, a cosa stare attenti –